Chi è costui?

Angelomancini, scrittore, pittore, performer, animatore del movimento artistico NOLI (Non-Opportunistic Living Issues). Principale esperto in neurometaestetica, è noto per la performance del gennaio 1988 a St. Pietroburgo, quando dal ponte Liteiny, a -23°, si tuffò nudo nella Neva congelata, procurandosi solo alcune lussazioni, una leggera commozione cerebrale e un principio di assideramento, nonché il bando delle autorità sovietiche come undesirable person.
L’anno seguente si assistè alla caduta del muro di Berlino.

Angelomancini, the writer, painter, performer and promoter of the NOLI (Non-Opportunistic Living Issues) artistic movement. Leading expert at neurometaesthetics, is famous for his performance in January 1988 in Saint Petersburg, when at temperatures of -23°C, he dived naked from the Liteyny Bridge into the frozen waters of the Neva river, suffering only a few dislocated joints, slight concussion and the beginnings of exposure, as well as being banished by the Soviet authorities as an undesirable person.
In a few monthes we saw the fall of the Berlin wall.

 

* The head in the header, courtesly by Paolo Cusenza photographer

 

Cose dette e disdette.

“Incredibilmente, ma mi trovo costretto a specificare che la mia nota biografica è una parodia.”

“Una tela dipinta non ha nessuna ragione intrinseca per esistere in Natura; una installazione invece sì, è mimetica dello stato di Natura. Per questo una tela dipinta, et simila, può essere Arte; tutto il resto è scimmiottare la realtà naturale, con risultati ineluttabilmente modesti, banali e semplicistici.

“Dio esiste, ma esiste in una dimensione parallela. Dove non può perciò stesso esistere Arte. Delle due infatti o l’una o l’altra”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

/* */